Nuova Scena Antica                                                                                                                                                           Women in Art Festival
Magazine Women in Art.it                                          Attualità
Lettera aperta della Direzione Artistica

Il festival WIA 2012 è stato annullato!
A causa dei tagli per l'intero ammontare dei finanziamenti da parte degli enti sostenitori, la Direzione del festival WIA è costretta ad annullare la manifestazione. Una decisione dolorosa, dopo anni di lavoro indefesso per porre in essere le premesse di un'iniziativa capace di coniugare il "sommerso" della creazione artistica nei diversi linguaggi dell'arte e le indispensabili condizioni di visibilità. Ma i partecipanti dei Concorsi Italia stiano tranquilli: restituiremo a ciascuno la quota di iscrizione versata.

            


Cari artisti, giurati, collaboratori e pubblico del festival,

la Direzione di Women in Art comunica a tutti voi la decisione di sospendere l'edizione 2012 della manifestazione a causa dei tagli dei finanziamenti a 360° da parte degli enti sostenitori.
I fondi propri da noi comunque investiti non bastano da soli a garantire la manifestazione che, giunta alla sua IV edizione, ha assunto una fisionomia assai articolata e una progressiva visibilità a livello nazionale.

La decisione è stata presa in data odierna, quando, a fronte degli esiti delle consuete richieste di finanziamento accese - tutte con esito negativo - le risorse disponibili e le condizioni di realizzazione si sono rivelate proibitive per far fronte anche solo alle spese di routine di questa manifestazione.

La capacità di instaurare rapporti con numerose istituzioni, il lavoro indefesso e gratuito nel corso dell'anno per porre in essere le premesse di un'iniziativa capace di coniugare il "sommerso" della creazione artistica nei diversi linguaggi dell'arte, unitamente alle indispensabili condizioni di visibilità (web, stampa, enti partner, giurie, premi), evidentemente non bastano per far fronte all'emergenza attuale nei confronti dell'arte e della cultura, per quanti non operano per scelta nello show business.
Ciò detto, non è nostra intenzione utilizzare questo duro colpo per giustificare la mancata realizzazione di questa edizione 2012, nonostante gli argomenti e le perplessità sarebbero molti.
Intendiamo vivere il momento presente come una fase di transizione e di trasformazione per noi indispensabile: un segnale forte di cui dobbiamo prendere atto, che ci costringe a guardare il tempo in cui viviamo, le contingenze, cosa vogliamo creare e quali sono le condizioni indispensabili e sostenibili da coalizzare per porre in essere con azioni concrete un'iniziativa diversa, consapevole del cambiamento in atto a livello globale, conscia del suo grande potenziale e al contempo dei limiti da superare sia interni (assetto organizzativo) che esterni (risorse).

Vogliamo rassicurare i numerosi artisti che si sono iscritti da tutta Italia facendo pervenire le loro opere ai Concorsi Italia del festival: la quota di iscrizione versata vi verrà restituita a mezzo bonifico bancario.
Sarà nostra premura metterci in contato con ciascuno di voi allo scopo nei prossimi giorni. Siete numerosi, dunque portate pazienza. Il materiale inviato, invece, non verrà restituito (come previsto dai Bandi) e non sarà utilizzabile per ragioni di istruttoria per future edizioni del Premio.

Vogliamo rassicurare anche i vincitori dell'edizione precedente: i Premi ancora in corso verranno da noi realizzati in un modo o nell'altro.
E' il nostro impegno che intendiamo onorare.

Alla domanda che molti ci stanno già ponendo "che ne sarà del festival?", la risposta che ci sentiamo di dare in questo momento è che l'arte e la cultura non possono essere un viaggio utopistico e in solitaria: i canali e i rapporti con le istituzioni giocano un ruolo importante.
Quale che sarà il "piano di rinascita" del festival, non potrà prescindere da un rapporto rinnovato anche con loro. Certo è che come Direzione dovremo essere in grado di ideare, proporre, trovare strade nuove che includono la capacità di digerire il colpo subito, di preservare quello che di buono abbiamo creato, e di abbandonare quello che non può più esistere in favore di un futuro sostenibile, a quanto pare tutto da inventare.

Se avete commenti e opinioni da esprimere, vi invitiamo a condividerle con noi sul Blog del magazine - www.womeninart.it.
Abbiamo creato questi strumenti non solo per dare visibilità alle iniziative, agli artisti e alle questioni legate al tema del festival nel corso dell'anno, ma anche per disporre di un canale diretto con tutti voi, che in questo momento può diventare attivo e rivelarsi utile per elaborare strategie future anche grazie ai vostri commenti.

Grazie dell'attenzione.
Un caro saluto,

La Direzione Artistica
Silvio Da Rù e Daniela Bestetti

Facebook         Twitter           Youtube
.