Nuova Scena Antica                                                                                                                                                           Women in Art Festival
Magazine Women in Art.it                                      Arte Visiva
ARTE VISIVA - Mostre

OroLuce a NelliMya, light art exhibition
La personale dell'artista Pina Inferrera OROLUCE apre a Lugano dal 12 novembre al 21 dicembre 2013, presso la galleria Nellimya: light art exhibition. Un'occasione per conoscere le opere di un'artista che si muove tra scultura, installazioni e fotografia, la cui indagine mantiene e rinnova un rapporto profondo con la Natura e i suoi elementi.



MILANO - Oroluce Ŕ titolo della mostra personale di Pina Inferrera, ospitata nello spazio espositivo Nellimya: light art exhibition di Lugano dal 12 novembre al 21 dicembre 2013.
Pina Inferrera Ŕ nata a Messina, ma vive e lavora a Mozzo in provincia di Bergamo.
Fin dagli esordi, la sua l'indagine artistica Ŕ rivolta all'esplorazione della realtÓ circostante, spaziando dall'osservazione della natura, l'ambiente e l'uomo, all'analisi di reperti.
In particolare ha indagato la realtÓ industriale di cui ha analizzato il rapporto con l'uomo e l'habitat.
I materiali di scarto delle piccole o grandi industrie sono stati osservati, fotografati, recuperati e poi adoperati per la realizzazione di sculture dalle dimensioni imponenti, opere site-specific capaci di ridisegnare lo spazio.
Dal 2000 ha focalizzato il suo interesse sull'arte fotografica e video, dando vita a immagini che si muovono fra reale e surreale, panorami della natura incontaminata in cui l'uso particolare della luce suggerisce uno spazio spirituale.
Le sue opere sono pubblicate su cataloghi, libri d'arte, riviste, quotidiani, siti. Hanno scritto del suo lavoro: G. Scardi, R. Mutti, D. Curti, V. Sgarbi, V. Conti, T. Trini, G. Marziani, M. Campitelli, L. Giudici, M. Hajek, M. Rosci, L. Caramel, A. Appiani, A. Scanzi, P. Emanuele, E. De Paoli, G. Seveso, M. Tagliafierro, R. Ridolfi, R. Moratto, M. Galbiati, C. Guerra, G. Bonomi, G. Ciusa, J. Blanchaert, M. Mander, G. Gellini, R. Bellini, A. Madesani, F. D'Amico, C. Canali, M. Vitiello, C. Massini, S. Di Giacomo, M. Cilena Sanguini e F. Gallo. Ha esposto in Italia e all'estero, tra cui Londra, New York, Locarno, Francoforte, Istanbul, Tournai, Parigi.

Nel catalogo Oroluce (edizioni online Nellimya) il testo critico a cura di Sandro Orlandi ci aiuta a penetrare l'universo poetico dell'artista.
Leggiamo: "(.) Lei, come gli artisti bizantini, mette a frutto la sua sensibilitÓ solo dopo essersi depurata dalle contaminazioni della realtÓ immanente e la natura diventa un'intermediaria sensibile tra lei e l'intelligibile. (..)
Le opere di Pina Inferrera hanno anche il merito di farci conoscere e di renderci partecipi, con discrezione e con grande abilitÓ tecnica, a quel mondo incontaminato.
E, non Ŕ forse compito dell'artista quello di consegnare agli altri oltre che le proprie emozioni anche lo stimolo a partecipare emotivamente?
Il desiderio di capire il senso fa parte essenziale del vedere."


Nellimya: light art exhibition nasce nel 2007 per volontÓ e passione dei coniugi Antonelli.
La sede espositiva, tuttora sita in Piazza Riforma 9 nel cuore di Lugano, Ŕ uno spazio dedito prevalentemente alla Light Art: Arte di Luce.
Di recente ha preso vita anche il progetto LAB_Oratorium, residenza artistica di ricerca e creazione.
Le opere realizzate in questo contesto sono successivamente messe in mostra.
Gli artisti, affermati ed emergenti, sono scelti dai fondatori nel panorama internazionale.
La presentazione delle mostre in programma con i relativi eventi collaterali per l'anno 2013/2014 sono a cura di critici d'arte, poeti e scrittori.
Le opere esposte sono in vendita e in taluni casi, anche noleggiabili.

Info e contatti:
Nellimya: light art exhibition
Piazza Riforma 9, 2░ piano, vis-Ó-vis Municipio
CH-6900 Lugano, Switzerland
www.nellimya-exhibition.ch
Tel: +41(0)91/911.88.09 | Fax:+41(0)91/911.88.02


In alto nella foto, "Germinazioni" (2005) installazione di Pina Inferrera


Daniela Bestetti
(07 novembre 2013)



commons Alcuni diritti riservati
Facebook         Twitter           Youtube
.